RISARCIMENTO SINISTRI
zero Anticipo Spese
CHIAMA 800689563
Sei vittima di un grave errore medico?
Ottenere il giusto risarcimento è un tuo diritto!
Crediamo nei tuoi diritti
Servizio risarcimenti malasanità
L’attività dei nostri professionisti viene interamente finanziata dalla nostra società.
consulenza e gestione legale
GRATUITA
GMP garantisce un servizio altamente qualificato gestendo per i propri clienti
le collaborazioni attive con tecnici e professionisti che operano nel settore
per il raggiungimento di un adeguato indennizzo.
Infradito alla guida: sì o no?

Molti automobilisti italiani sono profondamente convinti che la legge vieti espressamente di guidare con ai piedi le ciabatte infradito. È vero? Nella realtà dei fatti, questo divieto oggi è inesistente. Fino al 1993 in Italia esisteva effettivamente una norma che vietava la guida con ai piedi calzature aperte, ma attualmente risulta consentito guidare con ai piedi scarpe, scarponi, sandali, scarpe col tacco, ciabatte, infradito e addirittura a piedi nudi! Ma da cosa deriva allora questa diffusa convinzione dell’illegalità, ergo sanzionabilità, della guida in infradito?

Se le forze dell’ordine non avranno niente da contestare in merito alle infradito, di tutt’altro avviso potrebbe essere la vostra assicurazione: in caso di #sinistrostradale, una compagnia assicurativa potrebbe riservarsi il diritto di negare il risarcimento dei danni, proprio per l’utilizzo di calzature non idonee alla guida.

Tale diritto di rivalsa è favorito dagli articolo 140 e 141 del vigente Codice della Strada, secondo i quali non solo «in ogni caso va salvaguardata la sicurezza stradale» ma inoltre il conducente deve anche «essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile». Interpretando con pignoleria questi commi, indossare le infradito può effettivamente rappresentare un ostacolo alla guida sicura.

Non esistono dunque sanzioni per chi guida con questo tipo di calzature, ma qualora in seguito a incidente stradale le forze dell’ordine intervenute annotassero sul proprio verbale che il conducente non indossava calzature chiuse comunemente considerate più adeguate alla guida, l’assicurazione potrebbe negare il risarcimento.

Il nostro consiglio? Di ritorno dalla piscina o dalla spiaggia, anche per brevi tragitti, indossa sempre una calzatura chiusa che ti assicuri un buon controllo del piede. Una piccola distrazione può costare davvero tanto!

Se hai bisogno di assistenza specializzata per questo tipo di circostanza, contattaci senza impegno al Numero Verde 800 869 563

Scrivici Su WhatsApp