RISARCIMENTO SINISTRI
zero Anticipo Spese
CHIAMA 800689563
Sei vittima di un grave errore medico?
Ottenere il giusto risarcimento è un tuo diritto!
Crediamo nei tuoi diritti
Servizio risarcimenti malasanità
L’attività dei nostri professionisti viene interamente finanziata dalla nostra società.
consulenza e gestione legale
GRATUITA
GMP garantisce un servizio altamente qualificato gestendo per i propri clienti
le collaborazioni attive con tecnici e professionisti che operano nel settore
per il raggiungimento di un adeguato indennizzo.
Vaccino anti-covid: la prima azione di risarcimento per danni permanenti

Il caso: parte in Italia la prima azione di risarcimento per danni permanenti da vaccinazione anti-Covid. Ad avviarla il Codacons, per conto di un cittadino romano di 46 anni che, poco dopo la somministrazione del vaccino, è stato colpito da ictus che ha portato a ricovero urgente in ospedale, dove tuttora il paziente risulta in terapia.

Il soggetto si è sottoposto il 6 Agosto scorso alla somministrazione del vaccino Johnson&Johnson presso una farmacia della capitale e iniziando dopo poche ore ad accusare i primi malori tra cui dolore al braccio e una paresi sul lato sinistro del viso in prossimità della bocca che gli impediva di parlare correttamente, perdendo in ultimo i sensi.

Il cittadino è stato dunque portato d’urgenza al Pronto Soccorso del S. Eugenio dove gli è stato diagnosticato un ictus cerebrale ischemico a carico dell’emisfero destro. Ad oggi il paziente è ricoverato in fase di riabilitazione neuromotoria presentando una difficoltà deambulatoria, linguaggio parzialmente disartrico, una deviazione verso destra della rima buccale ed un profondo stato astenico. La perizia medica conferma come la circostanza della procedura vaccinale possa avere rappresentato il ‘primum movens’ di un episodio tromboembolico nel soggetto sano, non anziano e privo di importanti ed evidenti fattori di rischio.


Il Codacons ha duque avviato un’azione risarcitoria presentando formale richiesta di indennizzo, ai sensi della legge 210/92 che riconosce un risarcimento ai cittadini vittime di danni da vaccinazione, alla Asl Rm2 e al ministero della Salute, allegando tutta la documentazione medica. Nel caso di rifiuto a riconoscere l’indennizzo previsto dalla normativa, scatterà una formale causa in tribunale contro il ministero della Salute per far ottenere al cittadino danneggiato dal vaccino il risarcimento cui ha diritto.

In tema di sanità , il nostro team di esperti in ambito medico e legale è a disposizione per una valutazione gratuita del tuo caso.

Chiama il Numero Verde 800 869 563, verrai ricontattato in tempi brevissimi!

Open chat
Scrivici Su WhatsApp